Perché “Assez Vu”?

Un paio di righe per spiegare perché questo sito si chiama così…

futur-present-passe

“Assez vu” letteralmente significa “visto abbastanza” ed è l’inizio di un componimento di Rimbaud dal nome Partenza (Départ).

“Assez Vu” è anche il nome che ho scelto di dare al mio primo blog su tumblr, dove raccoglievo (e raccolgo tuttora) foto vecchie trovate in giro e per il web. Mi sembrava un bel modo per dire che non si è mai realmente “visto abbastanza” e che c’è sempre qualcosa di nuovo da scoprire. Da allora per me “Assez Vu” è diventato anche una sorta di pseudonimo sul web, un nome a cui mi sento molto legata.

Nelle parole di Rimbaud passato, presente e futuro dialogano fra loro e la partenza è “nell’affetto e nel rumore nuovi”. Una partenza verso qualcosa di nuovo e di ignoto che è comunque imprescindibile da tutto ciò che l’ha preceduta.

Il ricordo di quello che c’è stato e il proiettarsi verso quello che sarà.

Se non è questo un buon auspicio per l’inzio di un nuovo capitolo…

rimbaud_in_newyork

Départ

Assez vu. La vision s’est rencontrée à tous les airs.
Assez eu. Rumeurs des villes, le soir, et au soleil, et toujours.
Assez connu. Les arrêts de la vie. — Ô Rumeurs et Visions!
Départ dans l’affection et le bruit neufs!

Partenza

Visto abbastanza. La visione l’abbiamo incontrata in ogni aria. Avuto abbastanza. Frastuoni delle città, la sera, e al sole, e sempre. Conosciuto abbastanza. I decreti della vita. — Oh Frastuoni e Visioni! Partenza nell’affetto e nel rumore nuovi!